Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

The Pond - Il Blog di Ocarina

festival burattini

Il fine settimana di Ocarina #41 – Festival Itinerante Europeo di Teatro di Figura

Si conclude domenica 2 luglio la decima edizione del Festival Itinerante Europeo di Teatro di Figura  organizzato da La Bottega Teatrale in 8 comuni della Valsesia. La manifestazione inaugurata il 25 giugno sta riscuotendo anche quest’anno un notevole successo tra i residenti sul territorio, ma anche tra molti turisti che colgono l’occasione per visitare questo bellissima valle alpina spesso non molto frequentata nei mesi estivi. Uno tra gli obiettivi principali del Festival è, infatti, quello di valorizzare e far conoscere la Valsesia, aprendola all’Europa attraverso burattini e pupazzi.

In 8 giorni sono in programma ben 22 spettacoli, condotti da compagnie provenienti da tutto il mondo e rivolti a bambini ma anche ad adulti.
Al termine del Festival il pubblico sarà chiamato a votare i due spettacoli migliori e per l’occasione saranno formate due giurie popolari: una di adulti ed una di bambini. La direzione  premierà il/la migliore attore/trice.  Non è previsto nessun premio della critica o degli addetti ai lavori.

Le rappresentazioni si terranno in diversi orari: 16.00 – 18.00 – 21.00; Il programma è vario e sicuramente ognuno troverà lo spettacolo che fa per sé.
Di seguito gli appuntamenti per questo fine settimana:

Giovedì 29 Giugno
ore 18.00 LOS PRIMEROS BURRITOS Compagnia Xarop Teatre di Castellon (Spagna) Teatro Sociale di Balmuccia
ore 21.00 LA RIVOLTA DEI FANTASMI Compagnia La Bottega Teatrale di Fontanetto Po (VC) Cortile Biblioteca “Farinone-Centa” di Varallo 

Venerdì 30 Giugno

ore 16.00 LA FAME DI ARLECCHINO Compagnia La Bottega Teatrale di Fontanetto Po (VC) Piano delle Fate di Cravagliana 

ore 18.00 BIANCOGIALLOROSSOBLU Compagnia Gufobuffo di Torino Cortile Biblioteca “Farinone-Centa” di Varallo 

ore 21.00 LA GABBIANELLA E IL GATTO Compagnia Teatri Montani di Guardiagrele/Palena (CH) Teatro Sociale di Balmuccia 

Sabato 01 Luglio
ore 16.00 EL PIRATA BARBA Compagnia Xarop Teatre di Castellon (Spagna) Cortile Pinacoteca di Varallo
ore 18.00 FRAPPIGLIA Compagnia Teatri Montani di Guardiagrele/Palena (CH) Centro Polifunzionale di Scopello
ore 21.00 LA NIÑA QUE RIEGA LA ALBAHACA Compagnia Chumbala Cachumbala di Panajachel (Guatemala) Teatro Sociale di Balmuccia 

Domenica 02 Luglio
ore 16.00 SPETTACOLI LABORATORI RAGAZZI E ADULTI Teatro Sociale di Balmuccia
DOVE NASCE IL MARE (Spettacolo/Presentazione del Libro omonimo) Compagnia Teatro del Giardino di Guardiagrele (CH) Cortile Biblioteca “Farinone-Centa” di Varallo
ore 21.00 GIU’ LE MANI DA NONNO TOMMASO Compagnia Molino Rosenkranz di Pordenone Teatro Civico di Varallo

Il Festival prevede, inoltre, laboratori per bambini all’interno della Pinacoteca di Varallo (VC). Il primo laboratorio “Mettiamoci in scena con le Figure“, della durata di 6 giorni, realizzerà uno spettacolo con i ragazzi e gli adulti da portare in scena a temine del Festival. Il secondo “Costruzione di lanterne galleggianti” porterà tutti, l’ultima sera del festival, sulle rive del fiume Mastallone per far viaggiare le lanterne, insieme ai desideri di ciascun bambino.

janis joplin

Oggi Ocarina ascolta #40 Summertime – Janis Joplin

In questo caldo inizio di estate ci piace ascoltare un grande classico, una delle canzoni più belle di tutti i tempi: Summertime. Composta negli anni’30 da George Gershwin , la canzone fu ispirata da una Ninna nanna di origine Ucraina, Oi Khodyt

Numerosi sono gli artisti che nel passato hanno interpretato Summertime sia in chiave jazz che chiave rock, tanto che sono state stimate circa  52.316 registrazioni differenti: da Ella Fitzgerald a Louis Armstrong, da Paul McCartney ai R.E.M… La nostra preferita è quella realizzata nel 1968 da  Janis Joplin una delle pietre miliari del rock.

Ecco di seguito il video. Buon ascolto!

festival fiaba 4

Il fine settimana di Ocarina #40 – Festival della Fiaba

Inizia stasera a Villa Sora a Modena, il secondo e ultimo fine settimana del Festival della Fiaba. Giunto alla IV edizione, il festival ha preso il via il 15 giugno scorso per una 10 giorni di conferenze, spettacoli, performance, concerti, mostre d’arte visiva, letture di poesie e narrazioni di fiabe in voce semplice, oltre a workshop, attività per bambini e molto altro ancora.

Nata e ideata da Nicoletta Giberti performer e regista, la manifestazione indaga attraverso linguaggi eterogenei il genere Fiaba, espandendo la poetica di questo genere letterario convenzionalmente destinato solo ai bambini. 

Quest’anno il tema scelto è “Legami di sangue e legami di cuore”, argomento che sarà esaminato a partire dalle fiabe della tradizione come spunto di riflessione collettiva e individuale.

L’anima pulsante del Festival è il Giardino delle Botteghe, un ambiente variopinto e molto amato anche dai bambini che si trova nel prato di fronte alla Limonaia della villa. Al suo interno si trovano tante casette di legno pronte ad aprire le proprie porte per far entrare i visitatori nei luoghi “del fare”, ossia del creare, realizzando ciò che prima era solo sogno, idea e pensiero. Ogni casetta ospita un artigiano. Libri, timbri, stampe, stoffe, ceramiche, bambole, vestiti, trucchi, cura e bellezza sono solo alcuni dei protagonisti di quest’anno.

Per i bambini segnaliamo il laboratorio creativo di meta-narrazione C’ERA UNA VOLTA… SECONDO ME a cura di Anna Tondelli e Stefania Iorio che si terrà domenica alle ore 18.00 nel Giardino Romantico

Per i bambini più grandi, dai 10 anni, consigliamo di non perdersi le fiabe raccontate dalle Narratrici del percorso ANTICA VOCE, in calendario in 3 orari distinti ogni giorno da oggi fino a domenica. Le narrazioni si terranno nel Bosco.

Tutti questi eventi richiedono la prenotazione obbligatoria. La prenotazione può essere effettuata chiamando il numero tel. 392 1676111

Se desideri scaricare il programma completo del Festival clicca QUI.

Buon fine settimana da Ocarina!

Radiohead,_House_of_Cards_(James_Frost,_Aaron_Koblin)

Oggi Ocarina ascolta #39 House of Cards – Radiohed

Reduci dal bellissimo concerto dei Radiohead che si è tenuto mercoledì scorso a Firenze, oggi non possiamo fare a meno di ascoltare una delle loro canzoni più amate, che anche i più piccoli adorano canticchiare: “House of Cards“. Dopo il sold out della prima data alla Visarno Arena nel capoluogo Toscano, la band capitanata alla voce da Thom Yorke ha concluso venerdì scorso l’ultima data del tour italiano a  Monza per I-Days Festival.  Anche qui è stato un vero e proprio trionfo, tanto che il pubblico ha raggiunto circa 55.000 persone.

A cinque anni di distanza dalla loro ultima esibizione in Italia, i Radiohead tornano così ad infuocare i palchi con la loro musica, coinvolgendo ed emozionando un pubblico vasto e vario. Nell’Ippodromo di Firenze, c’erano infatti persone di ogni età, dalla mamma con il bambino di un anno (con cuffie anti rumore) a chi segue la band dagli esordi, a chi non era ancora nato ai tempi di “Ok computer”, o non aveva ancora l’età per ascoltarlo e oggi lo adora.

La scaletta delle canzoni proposte in entrambe le date ha spaziato dall’ultimo album A Moon Shaped Pool a The Kings of Limbs, per arrivare ai più vecchicome Ok Computer, nell’anno del suo ventesimo anniversario, e The Bends. Il bis è stato invece dedicato ai cori e agli accendini con l’antica Karma Police.
Purtroppo grande assente della serata, la bellissima “House of Cards” uno dei nostri brani preferiti estratto dall’album In Rainbows e pubblicato nel 2008. Oggi ve la riproponiamo cercando di sopperire alla sua mancata esecuzione:-)

Buon Ascolto!

festival lentezza

Il fine settimana di Ocarina #39 – Festival della Lentezza

Con l’estate inizia la stagione dei festival. Da giugno a settembre sono infatti molte le manifestazioni che si tengono in tutta Italia: festival musicali, di fiabe, di teatro…. 

Questo fine settimana vi segnaliamo un festival particolare, quello della Lentezza, organizzato dall’Associazione Comuni Virtuosi che si tiene alla Reggia di Colorno (PR) dal 16 al 18 giugno.

Un appuntamento unico nel suo genere che ci offre la possibilità di  mettere in discussione il nostro rapporto con il tempo, spesso problematico e travagliato, offrendo gli strumenti e le opportunità per un cambiamento possibile.
Perché il tempo non è un contrattempo, un fastidio, un oggetto, ma un dono, un bene comune da tutelare, custodire, vivere ad ogni istante con la giusta dose di spensieratezza e lungimiranza così si legge nella “Carta Costituzionale” a cui la manifestazione si ispira e che trae spunto da un pensiero filosofico lontano che oggi è più che mai attuale. Ricordiamo Seneca ed i sofisti per i quali l’otium è la parte più importante della vita, quella in cui l’individuo ricerca se stesso, si dedica alla lettura, alla formazione, alla costruzione di una morale, raggiungendo lo status di sapiens (saggio).

Il tema dell’edizione 2017 sarà il cammino, idea intorno a cui è stato costruito il programma culturale dell’evento, che alternerà concerti a spettacoli teatrali, presentazioni di libri a incontri pubblici, e anche laboratori e attività ricreative pensate per bambini e famiglie.

Protagoniste della sezione dedicata ai bambini le Galline Volanti un duo reggiano tutto al femminile protagonista nel promuovere, soprattutto tra  genitori e figli, la lettura in quanto momento fondamentale “per riscoprire tempi dettati non dal mondo ma dalla mente”. Nel loro blog, che vi suggeriamo di visitare, è possibile trovare interessanti approfondimenti, news, consigli e anche alcune rubriche che hanno come tema la lettura ed i libri destinati a bambini di diverse fasce di età.

Queste le due divertenti performance a cura di Galline Volanti

Sabato 17 “Cammina”: letture animate per bambini dai 3 anni. Viaggeremo insieme a Tigre e Orso alla ricerca di un luogo lontano che profuma di banane e, se le banane non vi piacciono, nessun problema… ci aspetta una cena speciale a corte dalla Regina!
Domenica 18 “Una valigia piena di storie per farsi coraggio”. Lo spettacolo è consigliato ai bambini che hanno più di 5 anni.
I due appuntamenti sono gratuiti, per partecipare occorre iscriversi mandando una mail a festivalentezza@gmail.com.

SONY DSC

Alla scoperta dei luoghi fiabeschi più belli d’Italia

Stanno per iniziare le vacanze! Ecco allora alcuni suggerimenti di luoghi fiabeschi da visitare insieme ai vostri bambini magari anche in compagnia di Ocarina. Abbiamo, infatti, percorso l’Italia alla ricerca di castelli, borghi, villaggi, parchi e giardini legati alla favole, che rimandano o addirittura appartengono alle fiabe più amate di sempre, per scoprire con nostra sorpresa  che ce ne sono numerosi, nascosti in angoli insospettabili del nostro Paese. Molti di questi bellissimi posti che aspettano solo di essere scoperti propongono anche eventi, spettacoli e giochi pensati proprio per i più piccoli. Vi suggeriamo di fare un esperimento: inserire all’interno della vostra Ocarina alcune delle favole più famose della tradizione e provare ad ascoltarle insieme ai vostri piccoli mentre vi avventurate all’interno di questi luoghi magici.

PARCO DI PINOCCHIO

parco pinocchio

Partiamo dalla Toscana, dove a Collodi un piccolo paesino della Toscana è possibile visitare il parco di Pinocchio un luogo dalle atmosfere magiche che celebra una delle fiabe più celebri della letteratura per l’infanzia nata dalla penna di Carlo Collodi (pseudonimo di Carlo Lorenzini). Un parco dedicato al burattino più famoso della storia della letteratura che fonde alla perfezione arte, natura e suggestioni letterarie.
Visitando questo giardino verdeggiante non si troveranno straordinari effetti speciali, ma si respirerà un’atmosfera piuttosto “vintage”. Vere e proprie opere d’arte sono incastonate in una vegetazione rigogliosa, soltanto talvolta arricchite da qualche gioco d’acqua, e tra le quali si possono incontrare i celebri personaggi della storia, da Pinoccho stesso alla Fata Turchina, al gatto e la volpe. Da non perdere la riproduzione in bronzo della Balena che inghiottì Geppetto e Pinocchio. Proprio come nella fiaba, ci si potrà far “fagocitare” dalle fauci del grande mammifero per poi salire su una piccola scala e giungere sulla sua testa dalla quale si gode di una scenografica veduta del Parco. La scultura, adagiata su un piccolo laghetto, emette dei getti d’acqua a intervalli regolari. Bellissimo anche il labirinto di edera, all’interno del quale grandi e piccini potranno perdersi e ritrovare la strada.
Una volta raggiunto Collodi sarebbe un peccato andar via senza fare una sosta presso lo storico Giardino Garzoni e la bellissima Casa delle Farfalle. Il Giardino Garzoni è un incantesimo del ‘700, un monumento verde unico in Europa. E’ il risultato di un lavoro durato due secoli iniziato nel Cinquecento, che ha trasformato un orto e un boschetto da caccia affiancati alla residenza di campagna dei Conti Garzoni in un’opera artistica magnifica.   Perdersi tra le meraviglie di questo luogo fantastico – fresche e suggestive grotte artificiali, teatri ricavati da siepi di bosso, statue raffiguranti satiri, dei e dee, animali, personaggi biblici o storici o folkloristici, fitti boschetti di bambù –sarà un’esperienza magica. Altrettanto bella e interessante sia per bambini che adulti è la Casa delle Farfalle, una grande serra al cui interno è stato allestito un giardino tropicale che ospita numerose piante esotiche e circa 1.000 farfalle.

CASTELLO DI GROPPARELLO

castello-di-gropparello

Un altro parco delle fiabe si trova al Castello di Gropparello presso l’omonimo paesino situato tra i colli piacentini. Si tratta del primo parco emotivo d’Italia dove tra le rocce millenarie e i boschi secolari del feudo del Castello è stato realizzato un percorso fuori dal tempo. Maghi, elfi, pellegrini, folletti e anche streghe accompagneranno i bambini in un’atmosfera magica, facendo vivere loro una bellissima fiaba emozionante e anche un po’ paurosa. Un cavaliere esperto addestrerà i bambini che con grande coraggio affronteranno l’orco e la strega in una temeraria avventura. Nelle domeniche di luglio ed agosto sono in programma giornate al castello con visite animate e caccia all’uovo di drago.

PARCO DELLA FANTASIA

parco rodari

Bellissimo è il Parco letterario della fantasia ad Omegna (VB), ispirato alle favole di Gianni Rodari, uno dei migliori scrittori per ragazzi dei nostri tempi. Il parco è un luogo particolare, pieno di magia, dove vengono proposti alle scuole e alle famiglie laboratori creativi, spettacoli teatrali e altre iniziative che coinvolgono grandi e piccini in giochi creativi e fantasiosi.
Il “Parco della Fantasia” offre a gruppi di famiglie la possibilità di organizzare visite guidate sul territorio, alla scoperta dei luoghi in cui nacque e trascorse l’adolescenza Rodari: Omegna, il Lago d’Orta, l’Isola di S.Giulio, I Giardini della Torta in Cielo…
Per prenotare occorre telefonare al numero 0323/887233 o scrivere a: info@rodariparcofantasia.it. Il numero minimo dei partecipanti è di 10/15 persone tra adulti e bambini. I costi sono variabili in base al periodo ed alle attività scelte.

SENTIERO DEGLI GNOMI

Se capitate a Bagno di Romagna, nota località termale sull’appennino Tosco-Romagnolo (in provincia di FC) non potete perdervi il famosissimo Sentiero degli gnomi.
L’ingresso è libero ed il percorso di facile percorrenza è sicuro e lungo poco più di due chilometri. Il sentiero è immerso nella foresta che ospita anche casette di legno, sagome di animali e sculture di pietra. Gli gnomi svelano ai visitatori il loro magico mondo: il Castello del Gran Consiglio, il Pozzo dei Desideri costruito dal vecchissimo Knoc, la Biblioteca, la Locanda del Lupo Grigio e li portano a conoscere il Capo del Villaggio Odino, Barin, Violetta e tanti altri compagni di Mentino a cui è anche possibile lasciare un messaggio. Insomma si tratta di un posto veramente da favola tra immaginazione e magia, adatto ai bambini ma anche a tutti coloro che vogliono lasciarsi trasportare dalla fantasia.

GIARDINO DEI TAROCCHI

Statue del Giardino dei Tarocchi

Infine vi consigliamo di visitare il Giardino dei Tarocchi, un luogo davvero unico tra il magico e l’esoterico che si trova nel pieno della maremma Toscana, vicino a Capalbio (GR). Un’opera d’arte a tutti gli effetti ideato dall’artista franco-statunitense Niki de Saint Phalle che, inspirandosi al Parc Guell di Gaudì presso Barcellona, ha dato vita ad un posto da lei definito “una pausa magica lontana dalla realtà quotidiana”. All’interno del Giardino, immerse nel verde, si trovano 22 figure dei tarocchi, figure umane, animali e mitologiche; scoprirle è senz’altro un’avventura degna di una delle più belle fiabe per bambini che siano mai state scritte. Queste meravigliose sculture in ferro e cemento sono ricoperte di vernici a base di resina dai colori sgargianti e brillanti, da mosaici con vetri pregiati dai quali è inevitabile rimanere incantati. Per i bambini è un giardino magico, fantastico, perfetto per giocare a nascondino dentro le statue, nella casa che sembra uscita da un libro di fiaba, ridere davanti ai mille sé riflessi dai centinaia di frammenti di vetro che ricoprono le opere d’arte. Un unico avvertimento: se visitate il parco nei mesi estivi scegliete di andare di prima mattina o nel tardo pomeriggio perché per percorrerlo è piuttosto faticoso con il caldo, soprattutto se dovete spingere un passeggino!

The-Goonies 3

Oggi Ocarina ascolta #39 The Goonies ‘R’ Good Enough – Cyndi Lauper

Oggi ascoltiamo The Goonies ‘R’ Good Enough una delle canzoni più famose della colonna sonora del mitico film The Goonies, interpretata da Cyndi Lauper. 

Proprio qualche giorno fa ricorreva il 32° esimo compleanno del film d’avventura, diventato un vero cult per le generazione degli anni ’80 che conquistò immediatamente i ragazzi di tutto il mondo con una storia simpatica, nuovi vocaboli, nuovi modi di comunicare e tanta avventura.

Uscito nelle sale il 7 giugno del 1985, The Goonies fu prodotto da  Steven Spielberg che ne diresse pure qualche scena, lasciando però la firma e la regia a Richard Donner, lo stesso di Superman e Il Presagio. 

La storia parla di un gruppo di ragazzini, capitanati da Mikey e suo fratello maggiore Brand, andare alla ricerca di un tesoro nascosto nella loro zona di Goon Docks, ad Astoria in Oregon (da lì il nomignolo “Goonies”), per salvare le loro case da spregiudicati imprenditori. Ed è proprio ad Astoria che ogni 7 giugno viene proclamato il Goonies Day. 

Grande successo fu riscosso anche dalla colonna sonora. In particolare la canzone pop rock The Goonies ‘R’ Good Enough che la stessa Cindy Lauper interpretava in una scena del film. Il brano venne poi successivamente pubblicato come singolo sul vinile da 45 giri e 78 giri.

E adesso siete pronti a fare un salto nel passato? Ecco il divertente video tributo di The Goonies!

festival-premio

Il fine settimana di Ocarina #38 – Andersen Festival 2017

Si apre oggi 8 giugno a Sestri Levante l’Andersen Festival 2017 con il premio Andersen Baia delle Favole, il primo premio letterario dedicato alla Fiaba in Italia.  La bella città balneare si trasformerà per quattro giorni fantastici (dall’8 all’11 giugno) con spettacoli nelle piazze e nelle vie, le narrazioni in Baia del Silenzio, la miriade di rappresentazioni teatrali, le mostre, le riflessioni e tanta musica.

In programma sono previste 100 eventi e più di 800 favole in concorso che renderanno unica questa kermesse che quest’anno festeggia un Andersen speciale, degli anniversari. Compie infatti 50 anni l’importante premio letterario delle fiabe inedite che negli anni ha visto la  visto la partecipazione di molti dei più grandi autori italiani, da Calvino a Luzzati, Moravia, Soldati, Zavoli, De Filippo, per citarne solo alcuni.  E in contemporanea si celebrano i 20 anni del Festival nato nel 1997 e diretto da Leonardo Pischedda.

Nell’edizione 2017 il premio letterario ed il Festival nascono uno dall’altro e insieme diventano un solo grande appuntamento per tutti, grandi e piccini.
Tema di quest’anno “la libertà”: la libertà delle fiabe, dei bambini, degli artisti, che rendono prepotentemente attuali le parole di Giorgio Gaber, che nel ’73 cantava: “…la libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione”.

La manifestazione viene inaugurata oggi con il tradizionale corteo di oltre mille bambini che attraverserà la città, inondandola di colore e di spensieratezza, fino a raggiungere la piazza del Comune. E  sempre i bambini con il Coro delle Voci Bianche della Fondazione Carlo Felice apriranno venerdì 9 giugno alle 19 le Narrazioni in Baia del Silenzio. La sera saliranno sul palco Paolo Fresu, Daniele Di Bonaventura e le voci corse del coro “A Filetta”. Seguiranno i ritmi incalzanti della “pizzica” della Taranta, la danza che si fa rito taumaturgico e fenomeno aggregativo popolare. 

Toccherà poi alla Danimarca con la sezione “Realtà del Mondo”, dedicata al paese di Hans Christian Andersen, in collaborazione con l’Ambasciata danese e la Fondazione HCA che, con l’Andersen Parade presenterà una raccolta cantata delle narrazioni più note dello scrittore. A completare la scenografia le casette danesi, replica delle tipiche costruzioni di Odense, città natale di Andersen. A disposizione dei bambini che vorranno partecipare, i costumi tradizionali, per immedesimarsi completamente nell’atmosfera delle fiabe più famose. 

Sarà poi la volta degli USA, con il testimonial di questo Festival, Federico Rampini, che porterà a Sestri Levante lo spettacolo giornalistico “Trump Blues”, uno spaccato irriverente e originale sull’attuale situazione presidenziale americana, scandita dal ritmo della musica dei Rolling Stones.

Per il Teatro di Strada, storicamente protagonista del Festival, sarà un susseguirsi di spettacoli e appuntamenti tra le vie e le piazze sestrine con una programmazione che prevede in tre giorni oltre 50 rappresentazioni, con artisti provenienti da Italia, Germania, Cile, Francia e Singapore.

I centinaia di eventi accompagneranno i partecipanti al Festival verso l’appuntamento principale, la premiazione del concorso letterario, in programma sabato 10 giugno alle 10,00. L’assegnazione del premio sarà tenuta da David Bixio, presidente onorario della giuria, che ha dato origine origine alla manifestazione stessa. Quest’anno in occasione del 50° compleanno del Premio non sono mancati i riconoscimenti. Per ultimo è arrivato quello del Parlamento europeo, che ha voluto una presentazione ufficiale dell’evento nelle sue sale di Bruxelles.

sg pepper

Oggi Ocarina ascolta #38 With A Little Help From My Friend – The Beatles

Il primo giugno di 50 anni fa I Beatles pubblicavano il loro capolavoro rivoluzionario Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, l’album più celebrato di sempre, considerato dalla rivista Rolling Stones il più bello della storia del rock. Oggi ascoltiamo il famosissimo brano contenuto al suo interno: With A Little Help From My Friend,  scritto da John Lennon Paul McCartney, appositamente per essere cantato dal batterista della band Ringo Starr. Si tratta di un inno all’amicizia ed è uno dei pezzi dei Beatles più semplici in termini di suono e arrangiamento, che piace molto anche ai bambini. 

Negli anni sono state numerose le interpretazioni della canzone, tre delle quali hanno raggiunto la prima posizione in classifica in Inghilterra; la versione di Joe Cocker nel 1968, quella dei Wet Wet Wet nel 1988 e quella di Sam and Mark nel 2004.

Proprio per celebrare i cinquanta anni dalla pubblicazione di Sgt Pepper’s, è uscito in questi giorni nelle sale un film documentario girato da Alan G. Parker che ripercorre attraverso immagini e interviste inedite gli incredibili dodici mesi in cui i fab four decisero di abbandonare l’attività live per concentrarsi su un’intensa fase di sperimentazione musicale all’interno di Abbey Road Studios di Londra.  Grazie al documentario intitolato The Beatles: Sgt pepper & Beyon possiamo quindi immergersi nel mondo psichedelico e rivoluzionario del 1967, quello della Summer of love, l’estate dei figli dei fiori, dei ragazzi  in cerca di pace, amore e libertà che dettero vita ad una rivoluzione sociale e culturale senza precedenti.

Rimaniamo in questo visionario clima di musica e colori di musica, ascoltando la splendida interpretazione di With A Little Help From My Friend di James Taylor, cantautore statunitense tra i più celebri degli anni ’70.

castello dei balocchi 2

Il fine settimana di Ocarina #37 – Il Castello dei Balocchi – Monteriggioni

Se questo fine settimana decidete di non trascorrerlo al mare, ma vi farebbe piacere rilassarvi tra le colline toscane, vi suggeriamo un appuntamento veramente particolare che si tiene all’interno delle mura di Monteriggioni, uno dei borghi medievali più affascinanti d’Italia. Si tratta del Castello dei balocchi, un evento molto atteso che si svolgerà venerdì 2 giugno dalle 11 alle 19 e che è stato pensato per i bambini ma anche per tutti coloro che amano ancora giocare.

Un intero giorno in cui le famiglie potranno svagarsi all’aria aperta godendo della meraviglia del Castello e vivendo un’esperienza all’insegna del divertimento e della riscoperta delle tradizioni (con arte, musica e artigianato). In programma spettacoli di giocoleria, magia, fachirismo e tanta musica itinerante. 

Giunto alla quarta edizione, quest’anno il Castello dei balocchi è dedicato al mondo di Oz. Immerse nella storia, le famiglie si ritroveranno a seguire la strada di mattoni gialli per arrivare al palazzo di Smeraldo e poter aiutare Dorothy a tornare a casa. Ad aiutarle i molti indizi e le tracce disseminati per le vie e le piazze del paese. Il percorso prevede la sosta in sette aree gioco:

dall’OCULISTA DI OZ
Per entrare nel magico mondo di Oz bisogna scoprire se si è capaci di vedere color verde. Serviranno per questo degli occhiali speciali per non rimanere abbagliati dal luccichio della città di Smeraldo. Qui i bimbi potranno costruire i loro occhiali speciali, pass d’accesso al loro mondo di magia e giocare a superare delle strambe prove di oculistica.

con il CORAGGIO
Ci vuole del vero coraggio per affrontare tutte le difficoltà che il Leone fifone si trova a dover superare nelle pagine del libro. In quest’area sono stati previsti giochi tattili e sonori: si potranno infilare le mani in scatole segrete per indovinarne il contenuto, superare percorsi a ostacoli.

con il CUORE
Ecco cosa cerca disperatamente l’Uomo di Latta. A lui manca il cuore e come trovarlo se non attraverso la forza delle emozioni? Nel paese dell’Uomo di Latta, quindi, sarà possibile assistere a spettacoli e storie di diversi artisti che emozioneranno grandi e piccini.

con il CERVELLO
È questa l’area del mondo dello Spaventapasseri che è alla perenne ricerca di un cervello al posto della sua testa riempita di paglia. Qui i bambini potranno cimentarsi in giochi d’ingegno, rompicapi e sfide per mettere in moto la mente.

AREA RELAX
Tappeti e teli a disposizione delle famiglie per riposarsi sotto la fresca ombra degli ulivi e dove fermarsi per fare un pic nic.

PALAZZO DI SMERALDO
Una volta che si sarà giunti nella strada di mattoni gialli vuol dire che siamo nei pressi del Palazzo di Smeraldo. Chiunque potrà lasciare un’impronta, un segno, un disegno, uno scarabocchio sulla strada per aiutare Dorothy a seguire la via giusta. La strada diventerà così una sorta di opera di street art in divenire, ispiratrice di libera creatività a più mani.

GIARDINO STREGATO
In quest’area, con le tre streghe rimaste in vita, le famiglie potranno conoscere il mondo magico e sperimentare nuove formule.

A questo punto non ci resta che augurarvi buon divertimento!