Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

Il fine settimana di Ocarina #59 BookCity Milano

Questo fine settimana torna la nuova edizione di BookCity Milano con un programma ricco di incontri, presentazioni, dialoghi, letture ad alta voce, mostre, spettacoli, seminari, tutti dedicati alla lettura come esperienza di valore.

Tra gli oltre 1000 eventi proposti, molti sono dedicati ai più piccoli. Di seguito vi proponiamo un guida veloce degli appuntamenti adatti ai bambini in età pre scolare.

Si inizia già giovedì 16, alle 18.00, presso l’Oasi del Piccolo Lettore, con l’incontro Gattobrutto e la sua illustratrice, una lettura e laboratorio di disegno per bambini che amano i gatti brutti tanto quelli belli, a cura dell’illustratrice Silvia Oriana Colombo. (Per bambini dai 3 anni in su). 

Gli appuntamenti continuano venerdì 17 alle 10,00, presso il Circolo della Letteratura e delle Arti di Milano, con Le favole nell’antico Egitto tra animali parlanti e magia. Letture, approfondimenti e gioco (3-6 anni).
Nel pomeriggio, alle 17,30 presso la Giocomotiva di via Zocchi, non perdetevi invece  Ninne Nanne per dire sogniamo (2 -6 anni): si parla di Ninniamo, la prima antologia che offre tanti spunti per ninne nanne, in cui vengono esaltate le qualità terapeutiche del canto più antico del mondo usato per accompagnare i bambini al sonno. Alla lettura delle ninne nanne segue un laboratorio sulle emozioni, con Dome Bulfaro e Francesca Genti

Sabato 18 la giornata inizia presso la Biblioteca Zara con Mamma lingua: letture dal mondo: letture ad alta voce e canti per bambini da 2 a 6 anni in italiano, spagnolo e arabo. In biblioteca è esposta la mostra Mamma Lingua: 127 libri per bambini in età prescolare nelle principali lingue straniere parlate a Milano.
Alle 10,30, presso il Teatro del Buratto in Maciachini,
  è in programma il laboratorio Diventa protagonista di una favola (dai 3-6 anni) a cura della piccola casa editrice MyBoo srl. In un mondo in cui si legge sempre meno, la missione di MyBoo è rendere il libro un oggetto vicino al bambino, fatto su misura per lui, in modo da trasmettergli la passione e il piacere della lettura.
Alle 14,30, sempre presso il Teatro del Buratto, si tiene Burattinando nel paese Chenonsai (3-12 anni). L’autrice Mirella Bolondi, l’illustratrice Francesca Drusian e la curatrice Chiara Bezzi racconteranno il libro Nel paese Chenonsai, attraverso la magia del teatro in miniatura. Nell’arco dell’intero pomeriggio si susseguiranno le drammatizzazioni con i burattini e i laboratori gratuiti creativi finalizzati alla creazione di “burattini a dita” in pannolenci con i personaggi della storia.
Alle 15,30 presso Accademia di Musica piccoli Mozart i bambini saranno invitati ad un viaggio sonoro particolare Alla scoperta degli strumenti musicali (4-10 anni): come può “suonare” un libro? Durante le tappe del viaggio verranno presentati alcuni strumenti musicali con esecuzioni dal vivo. Pianoforte e batteria,  violino e voce, flauto e chitarra da ascoltare e vedere da vicino e…anche da provare! 

La nostra selezione degli eventi per bambini piccoli a Bookcity si conclude domenica 19 alle 16,30 con Giochiamo a imparare la musica, il laboratorio musicale di Andrea Cappellari che si terrà presso il Magazzino Musica – MaMu. L’iniziativa si pone l’obiettivo di introdurre progressivamente il giovane pubblico nel mondo musicale, in forma ludica, coinvolgente e alla portata di tutti.

Per conoscere il calendario completo e aggiornato consultare il sito ufficiale di BookCity Milano. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito; per alcuni è prevista un’iscrizione anticipata.

Il fine settimana di Ocarina #57 Segni New Generations festival – Mantova

Si conclude domenica 5 novembre a Mantova Segni New Generations, il festival internazionale d’arte e di teatro per l’infanzia.
Per 8 giorni artisti di vari paesi d’Europa e del mondo si danno appuntamento in città per spettacoli, laboratori, percorsi d’arte e performance che mescolano tra loro musica, pittura, recitazione, danza e scultura e che sono rivolti in modo particolare a un pubblico d’età compresa tra i 18 mesi e i 18 anni! 

Nato 12 anni fa per far avvicinare i più piccoli al mondo artistico, il Festival ha saputo trasformarsi ed evolversi così come i tempi e le tendenze. Oggi il New Generations è dedicato al mondo delle scuole, delle famiglie e a tutti coloro che amano il teatro, la ricerca e i linguaggi delle arti.

Il programma prevede oltre trecento eventi che si tengono nelle più belle location della città di Mantova. Palazzo Ducale, Teatro Bibiena, Sala delle Cappuccine, Palazzo Te, Palazzo Broletto e molti altri spazi della città che si trasformano per l’occasione in luoghi di teatro tutti da scoprire. 

Ogni anno il festival è rappresentato da un animale che, disegnato dai più grandi artisti – gli scorsi anni da Altan, Bergonzoni, Sanna, Moretti – diventa il simbolo dell’edizione, dando vita ad un’operazione artistica che coinvolge oltre 5.000 partecipanti da tutta Italia.
Protagonista dell’edizione 2017 è la chiocciola, disegnata dalla cantante Giorgia. Simbolo della lentezza e della costanza, la
 chiocciola, con il suo guscio a forma di spirale, rimanda anche all’idea di evoluzione costante: parte da un punto per allargarsi, crescere, accogliere. 

Lentezza, consapevolezza e incontro sono quindi le parole chiave che quest’anno accomunano le esperienze a teatro, i momenti ludici, i laboratori.

Attorno al concetto di tempo che si dilata e cambia a seconda di come lo viviamo gioca lo spettacolo Un Giorno, messo in scena dal Teatro all’Improvviso da lunedì 30 ottobre a domenica 5 novembre, presso il Teatro San Leonardo.

Da non perdere anche sabato 4 domenica 5 novembre il viaggio lento a tempo di musica fra i miti che hanno ispirato Il Signore degli Anelli: presso il il Teatro Bibiena si terrà Il Ritmo della Norvegia fra note e miti boreali grazie ai musicisti Paolo Bonati, Roberto Dani e all’attrice Sara Zoia.

E ancora viaggi ma in bicicletta e controvento la storia di emancipazione di Alfonsina Strada raccontata in Ruote Rosa. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro-Residenza Initinere e va in in scena al Centro Contardo Ferrini sabato 4 e domenica 5 novembre.

Per le famiglie il tempo rallenta e si fa scoperta alla Chiocciolateca nel Palazzo dei Bambini in piazza Alberti animato dalla didattica del Parco del Mincio con Alkèmica, tutti i giorni da mercoledì 1 a domenica 5 dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Il Programma prevede tantissimi altri appuntamenti pensati per diverse fasce di età. 

Qui è possibile consultare l’elenco degli spettacoli, eventi e incontri esauriti e ancora disponibili… in costante aggiornamento! 

Il fine settimana di Ocarina #52 Il Libro della Giungla – Crescendo in Musica

Con l’arrivo dell’autunno, torna Crescendo in Musica, rassegna di concerti-spettacoli per bambini e famiglie, a cura de laVerdi di Milano

Il primo appuntamento è sabato 30 settembre(ore 16.00), all’Auditorium di Milano in largo Mahler ed è dedicato ad un grande classico della letteratura giovanile: Il Libro della Giungla. 

L’Orchestra, per l’occasione diretta dal maestro Marcello Bufalini, eseguirà la colonna sonora dell’omonimo film del 1942, scritta dal compositore ungherese Miklós Rózsa. Sul palco si esibiranno anche il soprano Maria Eleonora Caminada e il tenore Francesco Frasca.

A interpretare questa meravigliosa favola, giocando con il giovane pubblico del Crescendo, è Sergio Bini, in arte Bustric: attore, mago, clown, trasformista e poeta della meraviglia e dell’inganno. Lo vedremo così nei panni di un viaggiatore indiano con turbante e scarpe verdi che, a bordo di una vecchia bicicletta, attraverserà il palco dell’Auditorium, raccontando la storia di un piccolo trovatello allevato nella giungla dai lupi. Non ha pelo, né denti aguzzi e non è capace di ululare. Il branco l’ha adottato e chiamato “Mowgli”, che vuol dire ranocchio. Con l’aiuto dei suoi nuovi fratelli imparerà presto a rispettare la legge della foresta…Bustric racconterà la favola attraverso trucchi da prestigiatore, travestimenti, acrobazie: dal suo turbante usciranno bolle di sapone, dalle sue mani fazzoletti e fiori che scompariranno e ricompariranno, e ancora…fuochi fatui e innocenti esplosioni!

Ma gli appuntamenti di Crescendo in Musica non finiscono qui. Nei prossimi mesi all’Auditorim di Milano sono in programma altri sabati pomeriggio dove musicisti, attori, mimi e ballerini intratterranno il giovane pubblico:

– 14 ottobre 2017 – Cappuccetto Rosso (direttore M. Teresa Tramontin)

– 11 novembre 2017 – Quadri di un’esposizione (direttore Massimo Cottica)

– 2 dicembre 2017 – Il lago dei cigni (direttore Vincenzo Milletarì)

La stagione riprenderà poi a Gennaio 2018 con tanti altri appuntamenti da non perdere!

Il fine settimana di Ocarina #50 Tocatì & Tucogiò

Questo fine settimana andiamo in Veneto per due festival dedicati ai giochi tradizionali. Parliamo del Tocatì, il Festival Internazionale dei Giochi di Strada in programma a Verona dal 14 al 17 settembre e del Tucogiò, il festival dei giochi inventati, rielaborati e riscoperti che si tiene a Monastier di Treviso il 16 e il 17 settembre.

Nato nel 2003 e patrocinato dall’Unesco, il Festival Tocatì ha avuto da subito un grande successo. Dal 2006 è stato dedicato ogni anno a un paese diverso ed è da sempre molto attento all’ambiente e alla sostenibilità, utilizzando solo energia proveniente da fonti rinnovabili.

Quest’anno, per la prima volta, la manifestazione avrà come ospiti d’onore, giocatori e Comunità ludiche provenienti da 21 Regioni Europee che porteranno nelle strade e nelle piazze del centro storico di Verona ben 40 giochi tradizionali, ma anche riti, musiche e danze della tradizione europea.

Il Festival è sicuramente anche un’occasione per i più giovani per conoscere alcuni giochi tradizionali ormai non più praticati, molti dei quali provenienti da diverse regioni italiane: il Fiolet (Valle d’Aosta), il tiro con il bastone (Puglia), la Borella (Veneto), il Ruzzolone (Umbria) e S’istrumpa (Sardegna), le Fionde (Friuli) e tanti altri ancora…

Tra le numerose iniziative anche molti eventi musicali organizzati lungo l’Adige. Durante il Tocatì, sarà allestito un palco nella torretta austroungarica che affaccia sul fiume, per dare spazio a ensamble acustici e gruppi di musicisti che, con le loro performance sonore porteranno i suoni di vari territori italiani, coinvolgendo visitatori e turisti che si fermeranno ad ascoltarli (Giovedì dalle 21.30; Ven. dalle 21.30; Sab. alle 21.00 e alle 22.30).

Tra gli appuntamenti dedicati ai bambini, segnaliamo “Favolavà” che propone 6 spettacoli. Due sono le Storie con I burattini in Valigia: “Poco Pochino” con i bambini della Classe 4^ della scuola Rubele e “L’Omo Selvatico” a cura di M.A. Bonomo. Tre sono invece le proposte con il Gran Teatro dei Burattini:
– “Il lupo e i sette capretti“ con Peppe Follo e Stefania Scalone
– “Pulcinella e la Ricetta Magica” e “L’albero dei Bei Sogni“ con Peppe Follo e Rosella Sterzi
L’ultima proposta in programma è la performance del laboratorio interculturale con i richiedenti asilo “La città è l’altrove” a cura di Daniela Carli e frutto della collaborazione con il Museo Africano.
Gli spettacoli si terranno sabato alle 10.30; 12.00; 17.00 – domenica alle 10.30; 11.30; 17.00.

Ad un’ora e mezzo di distanza, in provincia di Treviso, apre sabato la XI edizione di Tucogiò. La manifestazione dedicata interamente ai giochi inventati, rielaborati e riscoperti, che si ispira al pensiero di Lord Baden Powel, il fondatore del movimento dello scoutismo nel mondo.

Come un grande giro dell’oca, il festival si snoda per oltre tre chilometri coinvolgendo tutto il centro di Monastier di Treviso. Il percorso è costellato di giochi artigianali, la maggior parte dei quali diversi da un anno all’altro, realizzati dai volontari con creatività e fantasia, ma anche espositori, spettacoli musicali, letture animate, un’area picnic, una nursery ed una zona tranquilla per il riposo dei più piccoli.

 Il filo conduttore di quest’anno è il lavoro:  l’idea di fondo é infatti che da ogni diverso mestiere sia possibile scoprire uno spunto ludico. Attraverso il gioco, i bambini hanno la possibilità di imparare come funziona ed è organizzato il mondo degli adulti, ricevendo e quindi nuovi stimoli e maggiore creatività.

Tra le proposte che caratterizzano Tucogiò ricordiamo “La via dei palloncini”, che in occasione della manifestazione ogni anno viene decorata con centinaia di palloncini colorati, e alcuni giochi e proposte che non mancano mai, come il salto nel fieno, il disegno gigante e il giro in canoa.

A questo punto non ci resta che augurarvi un buon fine settimana giocoso!

Il fine settimana di Ocarina #49 Festival Musicale del Mediterraneo

Per tutto il mese di settembre si tiene a Genova la 26° edizione del Festival Musicale del Mediterraneo, rassegna internazionale  dedicata alla scoperta e alla valorizzazione delle musiche rare. La manifestazione, organizzata dall’Associazione Echo Artcon la direzione artistica di Davide Ferrari, prevede esibizioni di artisti nazionali e soprattutto internazionali nei luoghi più suggestivi della città.
Il filo conduttore di quest’anno è la Musica apolide: musiche che sono senza patria e che provengono da quelle terre che non hanno confini politici, come il deserto o come le terre modificate dalle guerre che si uniscono a musiche provenienti da angoli diversi del mondo riuscendo comunque a trovare una profonda armonia.

Tra le iniziative particolarmente adatte alle famiglie segnaliamo per sabato 9 settembre alle 17,30, nel bellissimo chiostro di Sant’Agostino in piazza Sarzano 35, il concerto polivocale delle “Tetra”, un quartetto con base in Svezia ma con origini multiculturali che presenterà “Ninna nanne del mondo”, in versioni originali e con arrangiamenti.
Attraverso questa esibizione, le quattro artiste scandinave vogliono far conoscere una parte importante della tradizione popolare musicale dei paesi rappresentati nel Festival. Per i bambini, spesso figli di immigrati, ma anche per i loro genitori, le ninna nanne sono, infatti, uno strumento di conservazione e condivisione del patrimonio culturale e quindi anche un’occasione di dialogo tra le culture.

Sempre durante questo fine settimana, il palazzo Tursi sarà la cornice di altri bellissimi concerti, che sebbene siano destinati ad un pubblico adulto, possono appassionare anche i più piccoli: 

Stasera giovedì 7 settembre alle 20.30, JoJi Hirota & Iroha Strings Group, quintessenza della cultura musicale contemporanea del Sol Levante si esibiranno in “Japan meets Europe”;
venerdì 8 settembre alle 21 il duo portoghese formato da Ana Figueiras e Ze Fransisco in co-produzione con Collegium Pro Musica presenterà la world music di “Flor de sal”.

Il festival proseguirà fino al 30 settembre, qui potete trovare il programma completo di tutti gli spettacoli.

Il fine settimana di Ocarina #48 – Festival della Mente

Dal 1 al 3 settembre si tiene nel centro storico di Sarzana il Festival della Mente, il primo festival di approfondimento culturale europeo dedicato alla creatività e ai processi creativi.

Giunta alla 14° edizione, questa manifestazione ha ospitato negli anni circa 500 eventi tra dibattiti, concerti, spettacoli, workshop e 500 relatori tra i più significativi intellettuali e pensatori italiani e stranieri. Per citarne alcuni: Luis Sepulveda, Marc Augè, Giuseppe Bertolucci, Zygmunt Baumann, Roberto Saviano.

Il Festival della Mente è un evento per tutti, perché le attività e gli argomenti proposti sono accessibili ad un pubblico non specialistico ma soprattutto a grandi e piccini. Al suo interno  è infatti prevista una sezione dedicata ai bambini e ai ragazzi; un vero e proprio festival nel festival, con un programma ricco di laboratori, workshop spettacoli e incontri per sperimentare e conoscere, curato da Marina Cogoli Biroli.

Tra i numerosi appuntamenti dedicati alle famiglie ne abbiamo selezionati alcuni dedicati alla musica e all’ascolto:

Sabato 2 alle ore 10,00 al Canale Lunense, Franco Lorenzoni, della casa-laboratorio Cenci, si esibisce in Com’è nata la musica nel mondo? Un viaggio straordinario, fra suoni, immagini e parole alla scoperta dei miti che sono all’origine della musica

Sabato 2  alle ore 17,30 e domenica 3 alle ore 10,30, alla Biblioteca Civica C. Martinetti, Noemi Bermani e Salvatore Panu conducono Suoni di c/arteUn Laboratorio Metodo Bruno Munari ® in cui – passando dall’esplorazione alla composizione istantanea sarà realizzato un repertorio di suoni informali per arrivare ad una conduzione musicale collettiva.

Sabato 2 alle ore 21,00 al Cinema Italia, il Teatro dell’Orsa mette in scena Strambe Storie, una rete di racconti strampalati e imprevedibili spaziando da il narratore di Saki ai personaggi irriverenti di Roald Dahl. Una videocamera galleggerà nel buio mostrando i disegni dal vivo di un artista.

Domenica 3 alle 17,00 in Piazza Capolicchio il collettivo LastanzadiGreta mette in scena Musica bambina! una performance molto coinvolgente in cui i partecipanti sono “orchestrati” e “diretti” per arrangiare un concerto improvvisato utilizzando strumenti veri e di recupero, chitarre elettriche e bidoni.

Buon divertimento!

Il fine settimana di Ocarina #47 – Ypsigrock

E’ iniziato ieri a Castelbuono, a pochi km da Palermo, uno dei festival musicali più importanti d’Italia. L’Ypsigrock, il festival di indie-alternative rock, assolutamente da non perdere, soprattutto per chi si trova in questo fine settimana in Sicilia. 

Giunto alla 21° edizione, questa bellissima manifestazione si tiene fino a domenica 13 agosto all’interno della suggestiva riserva naturale del Parco delle Madonie ed  è molto adatta anche per le famiglie, sia perché prevede spazi per bambini e attività pomeridiane appositamente pensate per i più piccoli sia perché è un’occasione per visitare una delle mete più amate sull’isola sia da italiani che stranieri.

Ypsigrock è il primo boutique festival d’Italia (al di sotto di 10.000 presenze), ormai punto di riferimento di tutti gli appassionati di cultura indie. Il festival è stato fondato nel 1997 a Castelbuono, per opera di alcuni giovani del luogo appassionati di musica indie e alternative rock. L’idea era quella di riuscire a far suonare gli artisti preferiti di sempre in casa propria, organizzando un evento ispirato alla vincente formula degli eventi internazionali.

Nel 2016, per la prima volta un festival italiano è entrato nella shortlist degli European Festival Awards grazie ad Ypsigrock, selezionato tra i migliori eventi del vecchio continente come Best Small Festival. Questa categoria è dedicata ai migliori boutique festival d’Europa e celebra i progetti eccentrici, animati dal tocco personale e originale delle organizzazioni, in grado di distinguersi per l’intimità e il senso di comunità che si viene a creare nelle location che lo ospitano. Ogni anno, infatti, gli ypsini, il popolo che gravita nell’universo di questo festival, per quattro giorni si mescolano alla comunità di Castelbuono per dare vita all’Ypsi & Love, un’intima atmosfera familiare, caratterizzata da un’attitudine genuina al divertimento condiviso, che rende l’esperienza ad Ypsigrock unica e inimitabile.

In questi anni sono arrivati a Castelbuono molti artisti che mai avevano suonato in Italia esibendosi, nella quasi totalità dei casi, in esclusiva italiana. Tra le band di maggior prestigio che hanno scritto il loro nome nella storia del festival vi sono Editors, Mogwai, Daughter, Savages, Moderat, Battles, Metronomy, Primal Scream, Future Islands, Caribou, Belle & Sebastian, Dinosaur Jr., Mudhoney e tanti altri talenti internazionali ed italiani. Il grande consenso unanime degli appassionati e della critica specializzata su queste prestigiose band, ha permesso nel 2015 ad Ypsigrock di essere eletto miglior festival d’Italia agli Onstage Awards.

Anche per questa edizione, la line-up prevede nomi molto conosciuti italiani e stranieri: dai Ride che si esibiranno dopo 18 anni di assenza, ai Cigarettes after sex, dai Beak (unica data italiana) al cantautore Edda, ex voce dei Ritmo tribale, diventato negli anni una figura unica nel panorama musicale italiano.

Qui è possibile trovare la line-up completa del Festival

Il fine settimana di Ocarina #46 – Lornano in Festival – Artisti di strada e incanti dal Mondo

Questo fine settimana andiamo sul Lago di Garda, dove presso la bellissima Rocca Viscontea di Lonato del Garda si tiene da oggi fino al 6 agosto Lonato in Festival – Artisti di Strada e Incanti dal Mondo. Si tratta di una fra le più coinvolgenti rassegne di arte di strada e di circo in Italia, che propone decine di spettacoli ed eventi portati in scena da compagnie e gruppi etnici di tutto il mondo.

Quest’anno sarà fatto un omaggio speciale all’amore: dall’edizione 2016 – infatti – la serata inaugurale del giovedì è dedicata a un tema specifico, che caratterizza il programma. Stasera andrà in scena l’amore tra un clown e una marionetta, in una festa dal chiaro sapore felliniano che vedrà coinvolti tutti gli artisti in cartellone e che coinvolgerà gli spettatori in un caleidoscopio di emozioni.

Nei giorni successivi il focus sarà anche sul teatro di figura, sulla musica (con uno spettacolo su Maria Callas), sulla fotografia e sul documentario (grazie alla mostra e ai corti d’autore sui marionettisti della famiglia Colla di Milano). Su prenotazione anche speciali visite guidate in costume alla scoperta dei personaggi e dei tesori della Rocca e dei tempi di Ugo Da Como.

Tra gli artisti in programma, il Circo patuf composto da quattro artisti e due tecnici provenienti dall’Italia e dall’Argentina. Dalla Spagna arrivano i Version Original che riunisce Jesus Fornies, virtuoso della giocoleria con i palloni da calcio e un trio di gitani al ritmo di “vero” flamenco; dall’Argentina Ninia Grisito alle acrobazie aeree, Brunitus, giocoliere virtuoso del diabolo, il musico-giocoliere Claudio Inferno e lo strepitoso clown Tomate; Dadde Visconti clown italiano; dal Messico i Quetzalcoatl con il loro suggestivo spettacolo di fuoco Chiedimi una storia; dall’Ucraina i poetici mimi del gruppo Dekru, un duo di acrobati El Alma de Cuba e il trio Mongolian Contortionist; e ancora la musica etnica del Trio Franconetti ed il ritmo dei Fritto Misto. 

Non mancherà inoltre lo spazio dedicato ai bambini con laboratori di giocoleria e di costruzione di burattini.
Il 4, 5 e 6 agosto dalle 18,30 presso la postazione LAB1 l’artista Francesca Ronchin terrà il laboratorio “La foresta dell’arte” pensato per aiutare i bambini a cimentarsi con la pittura, il disegno e altre tecniche. I disegni realizzati diventeranno i tasselli di una grande opera, esposti in modo originale e creativo in mezzo al verde del parco, in modo da creare una grande foresta artistica.

il 3,4,5,6 agosto l’artista Federico Braguinsky del circo Patuf terrà invece un laboratorio di giocoleria  che insegnerà a giocolare con le 3 palline, i cerchi e le clave, esercizi alla base della formazione di ogni futuro giocoliere. 

Il fine settimana di Ocarina #44 – Festival “Lollapalooza Paris” & “Deer Shed Festival “

Con l’estate inizia il periodo dei grandi festival musicali in tutta Europa, appuntamenti in cui è possibile ascoltare dal vivo le nostre band preferite, ma anche rilassarsi, campeggiare, stare insieme agli amici e conoscere gente nuova. Se siete genitori e vi trovate a viaggiare con i vostri bambini non è detto assolutamente che dobbiate rinunciarvi! 

Questo fine settimana abbiamo infatti selezionato due bellissimi festival adatti anche ai più piccoli. Naturalmente non dimenticate di portarvi dietro le cuffie anti rumore da fare indossare ai vostri figli durante i concerti!

Partiamo com il Lollapalooza Paris, che esordisce il 22 e i 23 luglio, ispirandosi  al fratello maggiore, l’itinerante Lollapalooza americano (quest’anno ospitato a Chicago). Sul palco si alterneranno i più grandi del rock, dell’hip hop e del pop: dai Red Hot Chili Peppers a Lana Del Rey, da Liam Gallagher a The Roots, da DJ Snake ai Pixies passando per i rocker francesi molto trendy di La Femme

All’interno del festival è prevista la Kidzapalooza un’area interamente dedicata ai bambini e alle loro famiglie, con entrata gratuita fino a 10 anni, a cura del dj francese Pedro Winter. Non è la classica garderie – dicono gli organizzatori – ma uno spazio dove godere della musica anche da piccoli, tra momenti di gioco e altri divertimenti”. All’area kids gli adulti possono accedere solo se accompagnati da un minore di 14 anni. La Kidzapalooza prevede una programmazione pensata proprio per i bambini e gli adolescenti: donna, Martin Solveig, Busy P, Borussia Lucien & The Kimono Orchestra DVNO, Tess, The Rodeo e Louise Chen e tanti altri si esibiranno con set eccezionali.
Sono inoltre previsti laboratori di basso, batteria e chitarra a cura del Park Slope Rock School e attività di pittura. 

Sempre questo fine settimana, dal 21 al 23 luglio si tiene il  Deer Shed Festival un’altra importante manifestazione di musica  “fatta da famiglie per famiglie”, immersa nei boschi a nord dello Yorkshire, in Gran Bretagna. In programma tantissime attività e workshop pensate per adulti e bambini: “non c’è l’area bimbi come si intende normalmente – racconta il direttore Oliver Jones – non vogliamo chiuderli nei recinti, mica sono animali dello zoo!”. Dalla “Science Tent” in cui si costruiscono robot al team che indaga su un teatrale e fantomatico delitto, dalla piscina al campeggio con i teepee, dai bar e ristoranti accessibili a prezzi economici, dal cinema al teatro all’aperto… e tanto altro ancora.

Il fine settimana di Ocarina #35 – Firenze dei Bambini

Questo Fine settimana arriva Firenze dei Bambini, una tre giorni di eventi speciali, dedicati ai più piccoli.

Dal 19 al 21 maggio 2017 nel capoluogo toscano, i bambini da 0 a 13 anni, potranno esplorare dieci cittadelle tematiche allestite, dove si terranno laboratori, musica, arte, occasioni di incontro e spazi di creatività assoluta. Il programma è ricchissimo e tutte le attività sono gratuite.

“La Città come Casa” sarà il filo conduttore dell’iniziativa promossa dal Comune di Firenze e organizzata da MUS.E e che vedrà coinvolti numerosi spazi cittadini, come Palazzo Vecchio, la Biblioteca delle Oblate, l’Opera di Firenze, il Complesso delle Murate, il Parco delle Cascine, l’Istituto degli Innocenti, il quartiere di San Niccolò.

Tra le diverse cittadelle una è dedicata interamente alla musica. Qui di seguito abbiamo selezionato le attività musicali previste:

20 e 21 maggio, ore 15,30 – 19,30 “Strumenti in ascolto: ottoni e archi”, presso Opera di Firenze. 

20 e 21 maggio, ore 15,15 – 18,15 “Strumenti in ascolto: sassofoni e fagotto”, presso Opera di Firenze. 

20 e 21 maggio, ore 15,00 – 18,00 “Strumenti in ascolto: fisarmonica, chiara e canto”, presso Opera di Firenze. 

Durante questi laboratori I giovani studenti del Conservatorio presenteranno ai bambini gli strumenti musicali. I piccoli avranno quindi l’opportunità di vedere da vicino gli strumenti musicali, imparare a riconoscerli, ascoltare con l’aiuto di una guida. Un modo diverso per apprendere divertendosi.

20 e 21 maggio, ore 15,00 – 18,00 “Alla scoperta dell’Opera di Firenze”
Una visita guidata accompagnerà le famiglie alla scoperta dell’enorme teatro, una costruzione più giovane del più giovane dei partecipanti! Il foyer, la sala, il palcoscenico, i camerini degli artisti e tanto altro ancora immergeranno i partecipanti nella grande macchina dello spettacolo.

21 maggio, ore 11,00 – 11,30 “Piccoli musicisti in concerto”.
I bambini assisteranno a un’esibizione concertistica dei loro coetanei, i piccoli e bravissimi allievi del Centro Musicale Suzuki di Firenze.

20 maggio, ore 10,00 – 11,00 – 12,00 “Il ballo della città”
La città ha i suoi colori, i suoi odori, i suoi rumori e i suoi suoni, ma ha anche i suoi movimenti, che corrispondono a ritmi veloci e moderni. Uno stage di danze urbane, fra hip hop e breakdance porterà i bambini nel bel mezzo di uno scenario metropolitano.

20 e 21 maggio, ore 10,30 – 11,15, 11.30-12,15, 12,30-13,15 “Il pifferaio di Hamelin”
Seguire una scia di musica e parole, farsi stregare dalle note e dal suono della voce per lasciarsi condurre dalla Città della musica alla Città della Natura. Due flautiste del Conservatorio e una voce narrante trasformeranno il percorso dal Teatro dell’Opera al Parco delle Cascine in una dolce passeggiata.

Ma non finisce qui, Firenze dei Bambini si aprirà e si chiuderà in musica, con due concerti davvero imperdibili.

Il primo, venerdì 19 maggio alle 18:00, alla Cavea dell’Opera di Firenze, dove tutti i bambini sono invitati a prendere parte a un grandissimo coro che intonerà la Cenerentola di Rossini.

Il secondo, domenica 21 maggio alle 17:00 In Piazza della Signoria, dove suonerà la Girlesque Street Band con un vasto repertorio di musiche dedicate all’infanzia.