Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

The Pond

Il fine settimana di Ocarina #73 Lupi Buoni e tori con le ali – Teatro Munari

Nuovo appuntamento questa domenica 25 febbraio alle 16,30 al Teatro Bruno Munari di Milano con la rassegna teatrale per bambini organizzata da il Teatro del Buratto.

In programma Lupi Buoni e tori con le ali, uno spettacolo pensato per i piccolissimi che insegna a non fermarsi alle apparenze e a non leggere il mondo attraverso fastidiose e rigide etichette
Chi l’ha detto che tutti i lupi sono cattivi? E che tutte le coccinelle portano fortuna? Che i draghi fanno paura? E chi l’ha detto che i tori non possono volare?
Con queste domande inizia lo spettacolo che coinvolge i giovani spettatori in una storia interattiva, con un’attenzione particolare al momento musicale, all’aspetto pittorico, grafico e di immagine.

Nato nel 1975, il Teatro del Buratto è da sempre orientato al “teatro totale”, dove alle consuete tecniche d’attore, che fanno uso di linguaggi verbali e gestuali, si accompagna una ricerca nel teatro d’animazione (pupazzi, oggetti, forme) secondo le tecniche più diverse: teatro su nero, pupazzo indossato, ecc.  Da luglio 2017 il Teatro del Buratto gestisce appunto la programmazione del Teatro Munari. Qui è possibile trovare il programma con tutti gli spettacoli domenicali.

Tra gli appuntamenti degni di nota, l’Opera Education, fiore all’occhiello dell’Associazione Lirica e concertistica Italiana, che intende avvicinare gli alunni delle scuole dell’obbligo all’opera lirica.
Arrivato alla XXII edizione, il progetto è dedicato quest’anno alla Carmen, la grande opera lirica di Bizet.  La vicenda è trasposta in un’ambientazione circense e Carmen diventa l’icona di colei che fa le sue scelte in nome della libertà, svincolandosi da qualsiasi catena (anche affettiva) che potrebbe mettere in pericolo aspirazioni e desideri. Qui è possibile trovare tutte le repliche spettacolo.

Buona domenica al teatro dunque!
by admin in Uncategorized

La musica per sognare, crescere, formarsi: una testimonianza dell’Ostetrica Marina Salomé

“Quando ero molto piccola i miei genitori mi regalarono un registratore a nastro, colorato e molto carino, con un piccolo microfono per registrare.

Subito questo registratore diventò il mio compagno, e in particolare il mio amico durante la notte. Non andavo mai a letto senza di lui. Dentro, inserivo tante cassette audio: di Anne Sylvestre, ma anche Steve Waring, Henri De, o Marlene Jobert la cui voce, al tempo tenera e quasi rocciosa, mi ha raccontato la storia di Pollinico e o Bianche neve. Queste voci, quei suoni, mi rassicuravano. Le canzoni facevano parte della mia vita, i personaggi raccontati erano i miei amici e stimolavano la mia immaginazione. Mentre ero dentro il mio letto, nella mia camerata, senza i miei genitori, la musica e le storie mi permettevano di non sentirmi sola.

Ho capito rapidamente come inserire la cassetta nella giusta direzione. A volte era necessario riavvolgere il nastro. Ero padrona di questo oggetto. Ricordo di aver provato una grande soddisfazione quando per la prima volta ho premuto il pulsante “Play”. Poi è iniziata la magia. Un universo si è aperto davanti a me.

 La musica mi ha accompagnata fin da bambina trasportandomi verso il mondo dei grandi. Come una solida rete di sicurezza, qualcosa a cui potermi sempre rivolgere.

Oggi sono una ostetrica. Nella vita di tutti i giorni, consiglio ai genitori di far familiarizzare i loro figli con la musica. I bambini spesso hanno bisogno di sentire una presenza che li rassicuri e che li protegga. Ocarina può essere per i genitori uno strumento molto utile che consente di accompagnare i loro bambini in ogni momento della giornata: dal risveglio fino alla fase dell’addormentamento (al suo interno sono presenti playlist con rumori bianchi, suoni della natura, musica classica, che facilitano il sonno).

Con Ocarina, i bambini possono trasportare suoni rilassanti, musica, storie nei loro mondi segreti.
Grazie ad un ascolto indipendente i bambini possono formarsi in completa privacy in modo da esplorare il mondo e assaporarlo con piacere”.

Ringraziamo Marina Salomé per la sua testimonianza. Marina è Ostetrica, vive a Parigi e lavora con donne in gravidanza, neo mamme e bambini appena nati.

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #72 Per te – Jovanotti

In Occasione dell’inizio del tanto atteso tour di Jovanotti, Ocarina propone oggi uno dei maggiori successi dell’artista toscano “Per Te”. Una dolce ninna nanna che Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti dedica a sua figlia appena nata.  Pubblicata nel 1998, “Per te” balza subito in vetta  alle classifiche e rimane nella top 10 per un paio di mesi. 

Nel testo il cantante fa una vera e propria dichiarazione d’amore alla sua bambina elencandole tutte le cose belle che la vita preserverà alla figlia. 

Un brano bello e toccante con una melodia dolce, sottolineata dalla mancanza della sezione ritmica e dalla presenza un arrangiamento orchestrale. Ideale per addormentare o rilassare i vostri bambini!

Qui potete acquistare “Per Te”

Di seguito il video 

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #72 Festa del Capodanno Cinese 2018

Con ormai il carnevale alle spalle, vi consigliamo di non perdervi il Capodanno Cinese, celebrato oggi, venerdì 16 febbraio, in Cina ma anche in tutto il mondo. 

Per quindici giorni in in molte chinatown italiane si festeggerà il passaggio dall’anno del Gallo a quello del Cane con sfilate, musica, fuochi di artificio e molto altri eventi divertenti per grandi e piccini. 

Prato e Milano sono le città dove si terranno le manifestazioni più importanti.
Prato il programma è ricco di iniziative: la mattina di domenica 18 febbraio i festeggiamenti inizieranno alle 8,00 con la sfilata che vedrà un grande dragone attraversare la città dal Tempio Buddista in piazza della Gualchierina fino a piazza del Comune,  
Nel pomeriggio in programma alcuni appuntamenti dedicati soprattutto ai più piccoli:
Alle 15,00 presso i Giardini di via Colombo, si tiene lo Spettacolo di magia e laboratorio per ragazzi fino a 10 anni.
Sempre alle 15,00 si tengono le letture animate per bambini di racconti e leggende sul capodanno cinese. (Overseas Chinese Service Center Via Filzi 39/P.)A seguire sfilata di abiti tradizionali.
Dalle 17,00 il grande finale con la caratteristica esposizione delle lanterne in via delle segherie.

A Milano il fulcro dei festeggiamenti è come sempre la Chinatown milanese per eccellenza, ovvero via Paolo Sarpi, dove ogni anno si tiene la tradizionale e coloratissima parata in costume. Uno spettacolo variopinto dove a spiccare è il colore rosso (narra la leggenda che serve a spaventare Nian, il mostro che una volta all’anno esce dalla sua tana per invadere i villaggi), tra dragoni di carta, ombrellini colorati, figuranti, musica e danze tradizionali.
L’appuntamento è domenica 18 febbraio alle 14,00 in Piazza Gramsci.

Anche il Triennale Design Museum festeggia il capodanno cinese con speciali laboratori e incontri per bambini e famiglie dedicati all’artigianato tradizionale cinese, un vero e proprio patrimonio culturale immateriale tramandato di generazione in generazione.

Sabato 17 e domenica 18, guidati da artigiani cinesi e dagli educatori di TDMEducation, bambini, ragazzi e adulti possono così imparare a realizzare le Hairy Monkey, tradizionali pupazzi in miniatura a forma di scimmia, in origine concepiti come dono per i bambini durante le feste, e a modellare l’argilla per creare le Figurine Zhang, piccole sculture realizzate per la prima volta 170 anni fa da Mingshan Zhang.

Tra gli appuntamenti proposti questo fine settimana dal Triennale Design Museum vi segnaliamo il tour di Giro Giro Tondo. Design for Children, la prestigiosa mostra che chiuderà i battenti questa domenica, dove Ocarina è stata esposta per un anno accanto ai più importanti pezzi che hanno fatto la storia del design del giocattolo a livello internazionale.

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #71  I want it All – Queen

Oggi Ocarina ascolta I want it All, famosissimo brano dei Queen, scelto da Eurosport come inno ufficiale dei Giochi olimpici invernali di Pyeongchang 2018, recentemente iniziati. 

Per l’occasione, la storica canzone è stata reinterpretata dal London Symphony Orchestra e prodotta con un team di compositori, arrangiatori, percussionisti e tecnici del suono che in passato hanno collaborato a film come Inception e Il discorso del re e con artisti come Rag’n’Bone Man.

 I want it All – sostiene Antonio Ruiz, Vice President of Marketing di Eurosport – è stato scelto come inno delle Olimiadi, perchè secondo noi incarna il desiderio dei fan di avere accesso immediato a ogni momento dei Giochi, ovunque e sempre.

Pubblicato nell’album The Miracle del 1989, il brano è stato originariamente interpretato come uno slogan d’aiuto verso la gioventù nera africana. Tuttavia, come spesso avviene nel Rock, sembra che sia stato ispirato da motivi molto più semplici, ovvero da una frase che Brian May chitarrista e fondatore della band, si sentiva ripetere dalla sua seconda moglie Anita Dobson.

I Want It All è sicuramente tra i brani più hard rock e da concerto tra quelli composti dai Queen, ma purtroppo non è mai stato eseguito dal vivo con Mercury in vita. Sicuramente è adatto a fare festa e da cantare a squarciagola!

Qui potete acquistarlo. 

Di seguito il video Ufficiale

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #71 Due Cori mille colori – Teatro Vittoria (TO)

Questo venerdì 9 febbraio alle 18,30 al Teatro Vittoria di Torino si festeggia il Carnevale insieme a due cori di giovanissimi: I Piccoli Cantori di Torino e il coro delle voci bianche Artemusica di Valperga.

Si intitola Due Cori mille colori, il concerto in cui si esibiranno i giovani provenienti da realtà molto diverse, ma che per l’occasione canteranno insieme e anche singolarmente scambiandosi persino i direttori.
Un concerto senza dubbio variopinto anche per la varietà del repertorio proposto: si passerà dalla musica modernissima e antichissima ai suoni del mare, dalla musica africana a pezzi che omaggiano il Carnevale.

L’appuntamento ricco di sorprese per bambini e adulti fa parte della nona edizione della rassegna Voci in movimento, intitolata “Senti chi canta”, realizzata dall’associazione Piccoli Cantori di Torino, fondatrice anche del Coro dei Piccoli. Nato nel 1972, il coro è attualmente composto da circa 60 cantori di età compresa tra i 9 e i 16  anni e mette in scena spettacoli di teatro musicale in tutta Europa. 

Altrettanto prestigioso  il coro Artemusica di Valperga, uno dei migliori cori di voci bianche del panorama nazionale. Fondato nel 2002 da Debora Bria e da  Carlo Beltramo, il Coro svolge la sua attività in concerti e collaborazioni artistiche, stage corali in Italia e all’estero; è invitato in prestigiosi festival e rassegne corali nazionali ed internazionali.
Ha ricevuto inoltre numerosi primi premi, premi speciali e riconoscimenti in Concorsi corali e internazionali.

Qui potete trovare un approfondimento di The Pond sulla straordinaria esperienza del coro Manos Blancas” venezuelano fondato da Antonio Abreu il 12 febbraio 1978, che festeggia quest’anno 40 anni. Il progetto che negli anni si è esteso, è oggi riferimento per tutti i cori delle voci bianche nel mondo.

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #70 Samba de Janeiro

Maschere coriandoli e stelle filanti. E’ iniziato il carnevale e Ocarina dedica la sua traccia della settimana a questa bella e allegra festa, tanto amata dai bambini.
Per l’occasione proponiamo una canzone tipica del carnevale brasiliano, conosciutissima anche in Italia.
Si intitola Samba de Janeiro ed è un brano dalla musica orecchiabile a ritmo di samba, con un testo semplice che cita poche semplici frasi, facilissime da ricordare anche al primo ascolto. Prodotta nel 1997 dal gruppo multietnico Bellini, Samba de Janeiro divenne una hit internazionale. Ancora oggi è una delle canzoni più utilizzate per fare festa e non solo a carnevale….…impossibile ascoltarla senza muoversi!

Qui potete acquistarla. 

Di seguito il video

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #70 La luna in giardino – Spazio Galalite (MI)

Questo fine settimana torniamo a Milano per uno spettacolo teatrale pensato per i piccolissimi (18 mesi – 4 anni) dal titolo “La luna in giardino”. L’appuntamento è in programma domenica mattina alle 10,45 presso lo Spazio Galalite, una grande fabbrica che ospita varie realtà dedicate all’infanzia e alla formazione artistica per bambini e adulti. 

In “La luna in giardino” i piccoli spettatori viaggiano all’interno di un giardino incantato attraversando tutte le quattro stagioni. Un viaggio fra uccellini, fiori, nuvole, pozzanghere, specchi d’acqua, foglie, fiocchi di neve. Tra i protagonisti, la farfalla Polly, il pesciolino Pinna e il pulcino Piuma che dopo un lungo inverno all’interno dell’uovo nascerà con l’arrivo della primavera. 

ll racconto scritto dall’artista e poeta Marcello Chiarenza si muove nello spazio circolare di un grande tappeto di iuta ed ogni bambino siede sul proprio cuscino, all’interno della scena.
Raffaella e Ornella, le due custodi del giardino, conducono i piccoli ospiti nel viaggio.
La musica e il canto di Carlo Cialdo Capelli contribuiscono a creare l’atmosfera accogliente necessaria per permettere la partecipazione al gioco anche dei più piccoli.

Nello stile già sperimentato con successo da Marcello Chiarenza, in collaborazione con la compagnia inglese Lyngo theatre e la compagnia belga Sprookjes in diversi Paesi europei, lo spettacolo si contraddistingue per l’interattività tra attori e pubblico e grazie alle sue animazioni e musiche è in grado di parlare ai bambini di ogni età, di ogni lingua e cultura. Nel 2011 è stato inoltre vincitore del Young Critic’s Prize “OTHER VIEW” al Kingfestival di Velikij Novgorod, Russia.

“La luna in giardino” fa parte di una rassegna di eventi per famiglie, organizzata da Trillino Selvaggio, associazione, con sede permanente presso lo spazio Galalite, che quest’anno festeggia 10 anni.

Tra i prossimi appuntamenti in programma:
domenica 25 febbraio alle 10,45, “La piccola Fiammiferaia non deve morire”, spettacolo teatrale adatto ai bambini dai 5 anni

domenica 4 marzo alle 10,45 “Lezione Concerto”, laboratorio musicale per bambini dai 0 ai 5 anni 

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #69 Kirikou – Yousson N’Dour. 

Oggi Ocarina ascolta Kirikou del cantante e politico senegalese Yousson N’Dour. Un brano molto bello e toccante presente nella colonna sonora del film di animazione “Kirikù e la strega Karabà” che quest’anno compie 20 anni.

Scritto e diretto dai uno dei più grandi animatori al mondo Michel Ocelot, il film si basa su un’antichissima storia dell’Africa occidentale e racconta di un bambino coraggioso che con intelligenza ed amore combatte e libera il suo villaggio da una strega.
La canzone di Yousson N’Dour 
parla proprio di Kirikù, un bambino piccolo che fin dai primi istanti di vita è totalmente autonomo, in grado di parlare, di camminare, di lavarsi e di badare a sé stesso. Sarà lui a salvare il villaggio… non lo farà con forza e cattiveria, ma al contrario aiutando la strega a diventare buona e gentile. Il testo è accompagnato da una musica che fa riferimento al genere mablax, il pop senegalese di cui N’Dour è considerato l’inventore. Nel brano fa da protagonista il suono primitivo di percussioni usate nei canti di preghiera africane con arrangiamenti afro-cubani.

Qui è possibile acquistare Kirikou.
Di seguito il video

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #69 Onde Suonate – Planetario di Firenze

Continuano al Planetario di Firenze gli appuntamenti del weekend dedicati ai bambini e alle famiglie organizzate dal Museo FirST- Fondazione Scienza e Tecnica.

Questa domenica 28 gennaio alle 15,00 è in programma un viaggio alla scoperta dei misteri del suono con il laboratorio dal titolo Onde Suonate. L’attività consigliata ai bambini dai 6 anni, prevede una serie di esperimenti interattivi, che hanno il fine si far scoprire cosa è il suono e come si propaga, svelare i segreti dei rumori che ci circondano, capire il funzionamento dell’orecchio umano, degli strumenti musicali e delle vibrazioni. Un laboratorio che stimolerà i bambini ma anche i genitori ad affinare la percezione del mondo che li circonda in modo semplice e divertente, ponendo l’attenzione a quei suoni e quei rumori che spesso vengono ignorati. Un approccio utile per stimolare la creatività ma anche al primo contatto con la musica.

In contemporanea, sempre alle 15 si tiene il laboratorio dedicato ai bambini un po’ più grandi dal titolo Sfumature di Energia. Un percorso per conoscere le fonti di energia rinnovabile, con l’utilizzo di modellini interattivi; per saperne di più sul funzionamento di pannelli solari, aerogeneratori, macchine a idrogeno, centrali idroelettriche e sulle più attuali tecnologie del settore.

Alle 16,00 e alle 17,15 le attività continuano con il laboratorio Sunstruck dedicato al sole: come si è originato, come funziona, come sostiene la vita, come si evolverà. Al termine sarà proiettato un filmato di approfondimento. 

I partecipanti ai laboratori pomeridiani avranno l’opportunità di visitare la collezione del Gabinetto di Fisica, con oltre 3.000 macchine e apparecchi per lo studio e la didattica della Fisica della seconda metà dell’Ottocento, tutti conservati negli arredi originali.
Completamente restaurato e aperto al pubblico, il Gabinetto è uno tra i più completi d’Europa e appare oggi come una rara quanto incredibile “macchina del tempo”, miniera di informazioni e fonte di interesse e meraviglia per i visitatori.

by admin in Uncategorized