Free ShipmentWarranty 24 monthsMade in Italy

The Pond

Il fine settimana di Ocarina #58 Teatro per Ragazzi – Teatro di Figura Perugia Tieffeu

Ha preso il via da qualche settimana la stagione di Teatro per Ragazzi al Teatro di Figura Perugia Tieffeu. Giunta alla V edizione, la rassegna prevede un ricco cartellone di spettacoli domenicale che si articolerà in due parti, la prima con 6 appuntamenti da ottobre a dicembre 2017 e la seconda da gennaio ad aprile 2018. Gli spettacoli in programma sono allestiti prevalentemente con l’utilizzo di burattini, marionette, ed attori, e attingono e reinterpretano le fiabe tradizionali,  tra le più conosciute ed apprezzate dai bambini, quali:  “Cappuccetto Rosso”, Robin Hood, la Spada nella roccia ecc. 

Nato 26 anni fa, il teatro Tieffeu  rappresenta un punto di riferimento nazionale ed internazionale per il teatro di figura. La sua storia ha inizio molto prima, nel 1976 con la costituzione di un primo nucleo di compagnia teatrale che raccoglie l’eredità di alcune esperienze italiane di tradizione, ma soprattutto continua il lavoro di un maestro polacco vissuto per molti anni a Perugia, Roman Ukleja. 

Le rappresentazioni che vengono proposte dal Tieffeu sono curate dalle maggiori compagnie teatrali italiane del settore e diffuse nei Circuiti di Teatro per Ragazzi. Parallelamente alle rassegne vengono, inoltre, proposti tutto l’anno Laboratori per bambini e ragazzi dai 4 agli 10 anni. 

Per chi si trovasse ad assistere ad uno degli spettacoli in programma, consigliamo di visitare il Museo delle marionette della famiglia Mirabassi, che si trova nello stesso complesso del Teatro e che espone con una selezione di figure (marionette, burattini e pupazzi) realizzate per la compagnia teatrale Tieffeu dagli anni ’70 ai giorni nostri.

Ecco ora i prossimi appuntamenti in programma:
Domenica 12 novembre alle 17,30 è in programma uno spettacolo particolarmente adatto ad un pubblico pre scolare, dal titolo il Topolino che scoprì il mondo. E’ la storia molto semplice del curioso topolino Amerigo, che ha sempre vissuto sottoterra insieme alla sua famiglia e che un giorno diventato grande decide di avventurarsi fuori dalla sua tana per conoscere quello che c’è sulla terra. Inizierà cosi un viaggio alla scoperta del mondo. Un viaggio divertente e popolato da tanti incontri straordinari…il sole, la luna, i fiori. Ognuno di loro avrà qualcosa da raccontare ad Amerigo. Gli elementi naturali, diventeranno i protagonisti di questa storia che servirà al piccolo e simpatico protagonista, Amerigo, a scoprire il mondo ma anche e soprattutto se stesso e quindi a superare le proprie paure. Il racconto è liberamente tratta dalla favola di Etienne Delessert e viene messa in scena dal  Teatrombria, attraverso un ritmo burattinesco dei pupazzi e la magia del teatro delle ombre. 

Fino al 3 dicembre gli spettacoli continueranno ogni domenica:
Domenica 19 novembre alle 17,30, la compagnia I Guardiani dell’Oca presenta Robin Hood nel castello di Nottingham
Domenica 26 novembre alle ore 17,30 Compagnia Instabile Quick presenta Le Case del bosco
Domenica 3 dicembre alle ore 17,30 Habanera presenta Codamozza il Gatto

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #57 Mazinga Z

Oggi ci ascoltiamo la sigla italiana di Mazinga Z, una delle più belle sigle dei cartoni animati anni ’80 che hanno emozionato le generazioni di quegli anni e non solo.
Nato nel 1972 in parallelo come manga e anime televisivo,  Mazinga Z proseguì fino al 1974 per un totale di 92 episodi. In Giappone, a differenza che in Italia, a questo ciclo seguirono Il grande Mazinga (1974-1975) e Ufo Robot Goldrake (1975-1977).

Ed è proprio per celebrare i 45 anni dalla nascita del super robot Mazinga del geniale Go Nagai che è stato realizzato il film Infinity, uscito nelle sale il 31 ottobre scorso.

Una nuova avvincente avventura collocata temporalmente una decina di anni dopo rispetto alla conclusione della serie, dove sullo sfondo compare ancora una volta una terra minacciata.  In questo contesto avviene la scoperta di questa nuova mastodontica creatura di origine micenea, il Mazinga Infinity, cento volte più grande di Mazinga Z e con un potere inimmaginabile e terribile.

Un sapiente mix di animazione tradizionale e computer grafica, che aggiunge dinamismo e innovatività all’anime originale, ma che ha lasciato un po’ delusi i fan di lunga data, cresciuti a pane e robottoni. In molti lo hanno infatti definito una macchina da soldi, compreso il finale alla Dragon Ball che ha lasciato senza dubbio interdetti.

Proprio per i nostalgici del vecchio Mazing Z ma anche per le nuove leve, i giovani spettatori, vi lasciamo con la sigla completa del cartone animato, cantata in italiano eseguita dal galaxy group nel lontano 1980!

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #57 Segni New Generations festival – Mantova

Si conclude domenica 5 novembre a Mantova Segni New Generations, il festival internazionale d’arte e di teatro per l’infanzia.
Per 8 giorni artisti di vari paesi d’Europa e del mondo si danno appuntamento in città per spettacoli, laboratori, percorsi d’arte e performance che mescolano tra loro musica, pittura, recitazione, danza e scultura e che sono rivolti in modo particolare a un pubblico d’età compresa tra i 18 mesi e i 18 anni! 

Nato 12 anni fa per far avvicinare i più piccoli al mondo artistico, il Festival ha saputo trasformarsi ed evolversi così come i tempi e le tendenze. Oggi il New Generations è dedicato al mondo delle scuole, delle famiglie e a tutti coloro che amano il teatro, la ricerca e i linguaggi delle arti.

Il programma prevede oltre trecento eventi che si tengono nelle più belle location della città di Mantova. Palazzo Ducale, Teatro Bibiena, Sala delle Cappuccine, Palazzo Te, Palazzo Broletto e molti altri spazi della città che si trasformano per l’occasione in luoghi di teatro tutti da scoprire. 

Ogni anno il festival è rappresentato da un animale che, disegnato dai più grandi artisti – gli scorsi anni da Altan, Bergonzoni, Sanna, Moretti – diventa il simbolo dell’edizione, dando vita ad un’operazione artistica che coinvolge oltre 5.000 partecipanti da tutta Italia.
Protagonista dell’edizione 2017 è la chiocciola, disegnata dalla cantante Giorgia. Simbolo della lentezza e della costanza, la
 chiocciola, con il suo guscio a forma di spirale, rimanda anche all’idea di evoluzione costante: parte da un punto per allargarsi, crescere, accogliere. 

Lentezza, consapevolezza e incontro sono quindi le parole chiave che quest’anno accomunano le esperienze a teatro, i momenti ludici, i laboratori.

Attorno al concetto di tempo che si dilata e cambia a seconda di come lo viviamo gioca lo spettacolo Un Giorno, messo in scena dal Teatro all’Improvviso da lunedì 30 ottobre a domenica 5 novembre, presso il Teatro San Leonardo.

Da non perdere anche sabato 4 domenica 5 novembre il viaggio lento a tempo di musica fra i miti che hanno ispirato Il Signore degli Anelli: presso il il Teatro Bibiena si terrà Il Ritmo della Norvegia fra note e miti boreali grazie ai musicisti Paolo Bonati, Roberto Dani e all’attrice Sara Zoia.

E ancora viaggi ma in bicicletta e controvento la storia di emancipazione di Alfonsina Strada raccontata in Ruote Rosa. Lo spettacolo è prodotto dal Teatro-Residenza Initinere e va in in scena al Centro Contardo Ferrini sabato 4 e domenica 5 novembre.

Per le famiglie il tempo rallenta e si fa scoperta alla Chiocciolateca nel Palazzo dei Bambini in piazza Alberti animato dalla didattica del Parco del Mincio con Alkèmica, tutti i giorni da mercoledì 1 a domenica 5 dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17.

Il Programma prevede tantissimi altri appuntamenti pensati per diverse fasce di età. 

Qui è possibile consultare l’elenco degli spettacoli, eventi e incontri esauriti e ancora disponibili… in costante aggiornamento! 

by admin in Blog, Eventi, News

Oggi Ocarina ascolta #56 The Skeleton Dance

Halloween è ormai alle porte e noi vi proponiamo un brano in inglese davvero divertente, The Skeleton Dance. Si tratta di una canzoncina da cantare in occasione della festa delle streghe ma che è molto utile per imparare le diverse parti del corpo e le direzioni destra e sinistra. Il tutto cantando e ballando, proprio come piace ai bambini!

Inizia così

Dem bones, dem bones, dem dancing bones
Doing the Skeleton Dance

The foot bone’s connected to the leg bones
The leg bones’s connected to the knee bones
The knee bone’s connected to the tigh bones

Il titolo della canzone è stato ripreso dall’omonimo film del 1929 prodotto e diretto da Walt Disney. È il primo cortometraggio d’animazione della serie “Sinfonie allegre”, dove spumeggianti ed energici scheletri si esibiscono in mezzo alle tombe, con comici numeri di ballo e ambientazioni d’atmosfera.

Gli scheletri ballerini sono i protagonisti anche del simpatico video con cui vi lasciamo. Sicuramente piacerà ai vostri bambini!

by admin in Blog, Musica

Il fine settimana di Ocarina #56 Un brutto anatroccolo – Fiabe d’autunno

Sta riscuotendo un grande successo  “Fiabe d’autunno”, rassegna di spettacoli teatrali per tutta la famiglia, che si tengono ogni fine settimana all’interno dello splendido Orto Botanico di Napoli.  Un’iniziativa che è stata molto apprezzata dai bambini tanto che tutti gli appuntamenti in programma fino ad oggi hanno registrato il tutto esaurito.

Giunta alla 22° edizione, Fiabe d’autunno è gestita da I Teatrini, associazione fondata nel 1991, e attiva a Napoli e sul territorio nazionale che propone propone vari titoli selezionati tra i capolavori della letteratura per l’infanzia. Tutti gli appuntamenti sono in collaborazione con l’Università degli Studi “Federico II“, per la direzione artistica di Giovanna Facciolo.

A partire da questo fine settimana fino al 12 novembre, data in cui si concluderà l’intera rassegna, andrà in scena una delle fiabe più famose di  H. C. Andersen “Un brutto Anatroccolo”. Lo spettacolo è consigliato ai bambini tra i 5 ed i10 anni ed è itinerante. L’Orto Botanico diventerà quindi il teatro di incontri e di scontri di un brutto anatroccolo che non sa di esser cigno, che si mette in cammino per sfuggire ad un mondo ristretto di cortili e animali che può vederlo soltanto come brutto e anatroccolo.Tra beffe e beccate, paure e cacciate, incontrerà personaggi buffi, ottusi e presuntuosi, che subito gli fanno capire come gira il mondo per uno come lui. Fino a che un bel giorno si ritrova nell’acqua a guardarsi stupito. Assomiglia a due cigni che gli nuotano accanto….

Se siete interessati vi consigliamo di prenotare il prima possibile telefonando allo 081 0330619. Lo spettacolo inizierà alle ore 11. il costo del biglietto è di 7 euro.

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #54 Il pifferaio magico – Teatro Piccolissimo…e non solo

Prende il via questa domenica 15 ottobre a Milano la rassegna “Teatro Piccolissimo…e non solo” di Spazio Teatro 89 con tanti spettacoli per bambini. 

Nato nel 2006, lo Spazio Teatro 89 si pone l’obiettivo di organizzare iniziative per la promozione della cultura e dell’intrattenimento. Numerosi e di diverso genere gli appuntamenti in programma: dagli eventi musicali agli spettacoli teatrali, da mostre ad eventi culturali a disposizione dei cittadini. Forte l’attenzione al mondo dei giovani ai quali è stata dedicata appunto la rassegna del Teatro piccolissimo che si terrà da ottobre fino al prossimo marzo e che vedrà la messa in scena di rappresentazioni teatrali dedicate ad un pubblico dai 3 anni in su. Alcuni eventi sono inoltre pensati appositamente per gli spettatori più piccoli, a partire da 6 mesi.

Ad inaugurare la stagione 2017/2018  arriva domenica 15 ottobre, alle ore 11Il pifferaio magico della Compagnia Teatrino dell’Erba Matta di Savona, indicato per bambini dai 3 ai 10 anni.
Tratto dalla famosa fiaba dei fratelli Grimm, lo spettacolo racconta la storia della cittadina tedesca di Hamelin, vessata da una tremenda invasione di topi. Uno strano personaggio assicura che libererà la città grazie al suo potere magico, la musica. Attratti dalle sue note, i topi abbandonano le case, ma al momento di riscuotere la ricompensa, il pifferaio viene cacciato senza un soldo e decide di vendicarsi, incantando tutti i bambini di Hamelin, che spariscono. Tutti, tranne uno…

Dal 1982, La Compagnia Teatrino dell’Erba Matta gestisce l’omonimo teatro di Savona svolgendo  i suoi spettacoli in tutto il territorio nazionale. Negli anni ha lavorato con attori del teatro stabile, proponendo molte iniziative con finalità ludiche ma anche educative rivolte ai minori.

Tra i vari spettacoli che la Compagnia porta in scena, uno dei suoi cavalli di battaglia è appunto il Pifferaio Magico. La favola viene interpretata da un cantastorie che, sfogliando le pagine di un grande libro tridimensionale, racconta, suona e canta, animando i pupazzi protagonisti e dialogando direttamente con il pubblico. Lo spettacolo è reso ancora più entusiasmante da una scenografia colorata ed originale: al centro del palco è stata allestita una struttura esagonale dove ad ogni lato si svolge una scena diversa.

Il cartellone del Teatro Piccolissimo prevede anche molti altri appuntamenti che spazieranno dal teatro d’attore a quello di figura, dal teatro danza a quello d’immagini, dal teatro d’oggetti a quello musicale, senza dimenticare i pupazzi, la pittura e i suoni dal vivo.

L’altro evento di ottobre è in programma per domenica 22 con Rose nell’insalata della Compagnia Schedìa Teatro (Età consigliata: 2-5 anni)

Qui è possibile consultare tutti gli appuntamenti nel cartellone.

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #53 Don Chuck Castoro

Don Chuck castoro
Don Chuck castoro
Don Chuck castoro
Don Chuck castoro

Nella foresta grande avventura
Ma lui non trema niente paura
Nuota nei fiumi, scala Montagne
Corre felice per le campagne

Così iniziava la sigla allegra e spiritosa di Don Chuck Castoro, uno dei cartoni animati più amati negli anni ’80. Chi è stato bambino in quel periodo si ricorderà senz’altro le avventure nella foresta del piccolo castoro, in compagnia dei suoi inseparabili amici: la castorina Lalla e l’orsetto Daigo. Un cartone che aveva anche molto da insegnare grazie al saggio papà Aristotele, che insieme al suo amico dottor Mei (una capra antropomorfa) era sempre pronto a dare consigli utili a suo figlio e ad aiutarlo a superare i primi problemi della vita.

Prodotto nel 1975 dagli studi di animazione della Koizumi Shizuo e Knack, Don Chuck Castoro (titolo originale Don Chuck monogatari), fu trasmesso per la prima volta in Italia nel 1979, all’interno delle varie emittenti televisive locali, per una durata di 25 minuti a episodio. 

Indimenticabile la sigla cantata da Nico Fidenco e il coro dei castorini, il cui 45° uscito nel 1979 vendette oltre 400.000 copie.

Ed ora siete pronti a fare un tuffo nel passato? Già ascoltando le prime note della sigla vi torneranno in mente ricordi legati a quell’orsetto con la tutina azzurra e i dentoni sporgenti…

by admin in Uncategorized

Il fine settimana di Ocarina #53 Tuttestorie. Festival di Letteratura per ragazzi

Torna a Cagliari Tuttestorie. Festival di Letteratura per ragazzi. Giunto alla dodicesima edizione, Tuttostorie è un interessante e articolato festival che si occupa di narrazione per ragazzi a 360, tra i migliori nel suo genere capace di proiettare Cagliari e la Sardegna a livello europeo e di attrarre molti interventi di livello internazionale. Quest’anno il festival è dedicato all’amicizia, l’affetto, ai legami: il titolo della rassegna è appunto “Dipende da come mi abbracci”.

In programma tantissime iniziative, circa 350 appuntamenti, rivolti a bambini e ragazzi da 0 a 16 anni e ad adulti, con più di 90 ospiti fra scrittori, illustratori, artisti, narratori, musicisti, attori, danzatori, scienziati, musicisti e giornalisti.

In calendario laboratori, spettacoli, narrazioni, performance, mostre, proiezioni cinematografiche ed eventi speciali, in un intreccio fra diverse forme d’arte e discipline.

Tra gli ospiti saranno presenti alcuni fra i più importanti autori (scrittori e illustratori) per ragazzi di livello nazionale e internazionale: Marie-Aude Murail, una delle le voci più intense della letteratura contemporanea per ragazzi che presenterà in anteprima nazionale il suo nuovo romanzo La figlia del Dottor Baudoin (in uscita il 13 ottobre con Camelozampa), Sjoerd Kuyper, autore pluripremiato in Olanda, una scoperta per il pubblico italiano con il romanzo Hotel Grande A, lo scrittore Vincent Cuvellier, uno dei più importanti scrittori francesi per ragazzi, conosciuto al pubblico italiano grazie ai libri con caratteri “ad alta leggibilità” della Biancoenero edizioni.

Molti anche gli eventi musicali e le performance teatrali destinati ai piccolissimi; ne abbiamo selezionati alcuni secondo noi più interessanti.

Con grande attesa da parte del pubblico, debutta  stasera alle 17,45 presso la sala Bubù di EXEMA, Filastrocche’n’roll 3, concerto con Renzo Cugis, Gianfranco Liori e l’Armeria dei Pirati. I due artisti canteranno di vacanze e surf da onda, scarafaggi e coccodrilli, bambini pasticcioni e persino di racconti del terrore.

Sabato 7 in piazza  Blablà, alle 19,45, tutti armati di tamburi, pentole e secchi per Drum Circus, concerto collettivo di percussioni con incursioni circensi di Adoliere e Ditta Vigliacci e la regia di Catia Castagna. Una performance che miscela ritmi creati da orchestre di percussioni estemporanee con l’arte di strada e circense. Durante la performance, il pubblico si trasforma da semplice spettatore in musicista-attore, partecipando attivamente e dando il ritmo a clownerie di ogni genere, acrobazie e numeri di giocoleria.

Sempre sabato 7  presso la Sala Bubù di EXEMA, alle 17:45 è si tiene il laboratorio a cura di COLLETTIVO Q.B.  Guidati da una cantante e una musicista piccoli e grandi giocano con la voce e con i gesti per interpretare le filastrocche e le canzoni di Papparappa. L’intento è quello di scoprire che è facile mettere in gioco la propria musicalità senza preoccuparsi del risultato finale, ma privilegiando il piacere dell’esplorazione e della condivisione.

Domenica 8 alle 10,00 presso la Sala Zizù di  EXMA è in programma l’installazione sensoriale Tana in tana di Nuvoleintasca. L’installazione sviluppa il tema della tana come luogo di protezione e di rifugio e offre un’occasione di esplorazione e di conoscenza dei diversi materiali con cui sono realizzati i tappeti. Da superfici calpestabili, i tappeti diventano superfici da cui farsi avvolgere: come dentro un sacco a pelo o sotto una coperta, si aspetta in letargo la fine dell’inverno. Come la tana è luogo di rifugio per gli  animali, la coperta è luogo familiare  di riparo e di protezione per i bambini.

Sempre domenica 8 alle 10,00  presso la Sala Bubù di EXEMA, in anteprima la nuova produzione diScarlattine Teatro, “Insieme” con la drammaturgia di Giusi Quarenghi e in collaborazione con il Festival Lei.“Insieme” utilizza il teatro per lavorare sulla relazione, rafforzare il legame di intimità e fiducia necessario tra genitore e figlio.

Per consoscere tutti gli altri eventi potete consultare qui il programma della manifestazione

by admin in Uncategorized

Oggi Ocarina ascolta #52 Il vecchio e il bambino – Francesco Guccini

Oggi in tutta Italia si celebra la Festa dei nonni! Per l’occasione ascoltiamo una canzone speciale, una vera e propria poesia musicata, composta da Francesco Guccini nel 1972, che si intitola “Il Vecchio e il bambino”.

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera;
la polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera…

Così inizia questo bellissimo brano che si trova nell’album Radici e che il cantautore modenese scrisse appunto in un periodo della propria vita in cui era alla ricerca delle proprie radici familiari. Una canzone dolce, semplice, con un testo molto cantabile che racconta il passaggio del testimone da una generazione all’altra. Negli anni ’70 e 80 è stato uno dei pezzi preferiti nelle scuole, nell’attività scoutistica e in generale in molti movimenti e associazioni giovanili.

Il vecchio vuole trasmettere speranza, fiducia nel futuro, ma il bambino intuisce che non sempre è possibile realizzare i propri sogni e che anzi quello che si immagina non corrisponderà quasi mai alla realtà…Il brano termina tuttavia con un messaggio di speranza: nonostante tutto dobbiamo continuare a raccontare e ad ascoltare fiabe. I nonni, per primi, sono coloro che più ci possono tramandare i ricordi, raccontandoci il bello e il buono della vita, facendo rimanere vivi le persone e le cose del passato che altrimenti andrebbero persi….

Il bimbo ristette, lo sguardo era triste,
e gli occhi guardavano cose mai viste
e poi disse al vecchio con voce sognante:
“Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!”

Buon ascolto!

by admin in Blog, Musica

Il fine settimana di Ocarina #52 Il Libro della Giungla – Crescendo in Musica

Con l’arrivo dell’autunno, torna Crescendo in Musica, rassegna di concerti-spettacoli per bambini e famiglie, a cura de laVerdi di Milano

Il primo appuntamento è sabato 30 settembre(ore 16.00), all’Auditorium di Milano in largo Mahler ed è dedicato ad un grande classico della letteratura giovanile: Il Libro della Giungla. 

L’Orchestra, per l’occasione diretta dal maestro Marcello Bufalini, eseguirà la colonna sonora dell’omonimo film del 1942, scritta dal compositore ungherese Miklós Rózsa. Sul palco si esibiranno anche il soprano Maria Eleonora Caminada e il tenore Francesco Frasca.

A interpretare questa meravigliosa favola, giocando con il giovane pubblico del Crescendo, è Sergio Bini, in arte Bustric: attore, mago, clown, trasformista e poeta della meraviglia e dell’inganno. Lo vedremo così nei panni di un viaggiatore indiano con turbante e scarpe verdi che, a bordo di una vecchia bicicletta, attraverserà il palco dell’Auditorium, raccontando la storia di un piccolo trovatello allevato nella giungla dai lupi. Non ha pelo, né denti aguzzi e non è capace di ululare. Il branco l’ha adottato e chiamato “Mowgli”, che vuol dire ranocchio. Con l’aiuto dei suoi nuovi fratelli imparerà presto a rispettare la legge della foresta…Bustric racconterà la favola attraverso trucchi da prestigiatore, travestimenti, acrobazie: dal suo turbante usciranno bolle di sapone, dalle sue mani fazzoletti e fiori che scompariranno e ricompariranno, e ancora…fuochi fatui e innocenti esplosioni!

Ma gli appuntamenti di Crescendo in Musica non finiscono qui. Nei prossimi mesi all’Auditorim di Milano sono in programma altri sabati pomeriggio dove musicisti, attori, mimi e ballerini intratterranno il giovane pubblico:

– 14 ottobre 2017 – Cappuccetto Rosso (direttore M. Teresa Tramontin)

– 11 novembre 2017 – Quadri di un’esposizione (direttore Massimo Cottica)

– 2 dicembre 2017 – Il lago dei cigni (direttore Vincenzo Milletarì)

La stagione riprenderà poi a Gennaio 2018 con tanti altri appuntamenti da non perdere!

by admin in Blog, Eventi